FILLEA-CGIL: Ivan Comotti eletto Segretario generale della Lombardia e Tiziana Scalco eletta nuova componente di Segreteria

in Notizie

L’Assemblea generale della Fillea Lombardia in data odierna ha eletto Ivan Comotti Segretario Generale della Fillea Lombardia con 58 voti favorevoli, 1 astenuto e 1 contrario. La Fillea Lombardia nel 2015 ha registrato 53.695 iscritti in totale.

Ivan Comotti sostituisce Marco Di Girolamo che era in carica dal mese di ottobre 2009 e che il 28 settembre scorso è stato eletto nella Segreteria della Cgil della Lombardia e attualmente ha la delega per seguire l’organizzazione.

Ivan Comotti, 51 anni, è residente a Cologno Serio (BG). Bracciante agricolo presso l’azienda florovivaistica Scarpellini spa di Alzano Lombardo (Bergamo), si iscrive alla Cgil nel 1987. Nel 1988 è eletto delegato e partecipa al congresso di fusione tra la Federbraccianti e la Filziat, nel quale si costituisce l’attuale Flai. Nel 1991 diventa Segretario Generale della Flai di Bergamo, nel 2000 lavora a tempo pieno a Milano per la Segreteria regionale della Flai della Lombardia.

Nel 2003 svolge il ruolo di funzionario della Flai nazionale a Roma seguendo il dipartimento agricoltura e poi quello dell’industria alimentare, coordinando le reti vendita.

Nel 2010 lavora come funzionario presso la CGIL Lombardia seguendo i temi della legalità e della contrattazione di anticipo nelle grandi opere.

Nel 2011 è eletto Segretario della Fillea di Bergamo e dal 2013 entra in Segreteria regionale della Fillea Lombardia.

“Ringrazio le compagne e i compagni che mi hanno dato fiducia nell’eleggermi a Segretario Generale della categoria, ha detto Comotti appena eletto. La filiera delle costruzioni ha subito un ridimensionamento pesante con la crisi iniziata nel 2008. Nonostante questo noi dobbiamo continuare a svolgere l’azione sindacale della contrattazione, sia quella difensiva che quella acquisitiva, per anticipare il futuro nel cambio di paradigma che si impone al settore. Nelle fasi di trasformazione dei settori, la contrattazione che determina protezione sociale per i lavoratori è fondamentale.
Ringrazio Marco Di Girolamo e l’attuale squadra della Fillea regionale per il lavoro svolto, le competenze e la passione dispiegata.
L’impegno nostro nella rappresentanza e nella tutela dei lavoratori sarà sempre nel solco dei valori della CGIL”.

L’Assemblea generale ha eletto anche Tiziana Scalco nella segreteria regionale con 53 voti favorevoli, 2 astenuti e 5 contrari. Pertanto la segreteria regionale Fillea Lombardia risulta, alla data attuale, così composta: Ivan Comotti, Ada Lorandi e Tiziana Scalco.

Tiziana Scalco risiede a Samarate (Va) e ha un diploma di ragioniera. Nel 1978 viene assunta alla Standa di Gallarate; dal 1986 lavora con la mansione di apparato tecnico presso il comprensorio Busto Arsizio della CTDL, collabora anche con il Sunia, dal 1990 al 1995 lavora all’ufficio vertenze di Varese, dal 1995 lavora all’ufficio vertenze della Filcea di Milano.

Dal 1997 lavora come funzionaria Filcea della zona San Siro e nel 1999 entra in segreteria Filcea di Legnano. Nel 2000 entra in segreteria della CDL del Ticino Olona a scavalco, e poi nel 2002 è funzionaria Filcea della zona San Siro a Milano. Nel 2003 entra in Segreteria Filtea di Milano.
Dal 2007 in segreteria della CDLM di Milano con deleghe alla Sanità, Salute e Sicurezza sul Lavoro, Amianto, Ambiente e Politiche di genere.

Ha svolto nella sua esperienza la tutela individuale incrociandola con quella collettiva, e ha alternato il percorso di categoria con quello confederale.

“Ringrazio per la fiducia che mi è stata data da questa Assemblea, ha detto Scalco, dal Segretario Generale Ivan Comotti e dalla Segretaria Generale della Cgil regionale Elena Lattuada. Sono felice di mettere la mia esperienza a disposizione in una categoria come la FILLEA che considero strategica per il rilancio dell’economia del Paese . Il mio impegno, a tutela delle lavoratrici e dei lavoratori, sarà prioritario sui temi della salute, della sicurezza e della parità di genere, valori che devono essere parte integrante di tutta la contrattazione”.

Milano 16 Novembre 2016