La CGIL Lombardia

in

La sede della CGIL Lombardia è in Via Palmanova 22 – 20132 Milano – Telefono 39 02 262541  email: cgil_lombardia@cgil.lombardia.it

La segreteria della CGIL Lombardia

La segreteria della Cgil Lombardia è composta da:

  • Elena Lattuada, segretario generale  
  • Marco Di Girolamo, delega alle politiche organizzative e politica degli appalti
  • Massimo Balzarini, delega ai settori industriali, reti, energia, terziario ed ex municipalizzate
  • Valentina Cappelletti, delega alle politiche sanitarie e socio-sanitarie, previdenza e fisco
  • Daniele Gazzoli, delega al mercato del lavoro e alla formazione
  • Marinella Magnoni, delega alle politiche dell’inclusione sociale, territoriali e delle infrastrutture

     ⇒ Clicca qui per le info

 

Un po’ di storia. La Cgil Lombardia nasce nel 1960

Ieri

La nascita della struttura territoriale regionale lombarda (brano tratto dal libro Sindacato e territorio, Storia della CGIL Lombardia (1960-1984) di Mattia Granata e Jorge Torre Santos. Prefazione di Susanna Camusso. Ediesse 2014 www.ediesseonline.it

(…) A poco più di un mese dal congresso nazionale, il 20 maggio 1960 le segreterie delle Camere del Lavoro della Lombardia tenevano a Milano una riunione presieduta da Agostino Novella. (…)

Al termine della riunione veniva decisa: (…) la costituzione di un Comitato di coordinamento regionale delle Camere del Lavoro diretto dal segretario responsabile della Camera del lavoro di Regione e da un membro della stessa Segreteria provinciale.

Oggi

La Confederazione generale italiana del lavoro è la più antica e rappresentativa organizzazione sindacale italiana, con oltre 5 milioni di iscritti e iscritte tra lavoratori, pensionati e giovani. La Cgil stipula, attraverso le categorie, i contratti di lavoro, e svolge un’azione di tutela finalizzata a difendere e conquistare diritti individuali e collettivi: dai sistemi di welfare ai diritti sul posto di lavoro. Svolge un importante ruolo di costruzione della solidarietà con la pratica quotidiana della rappresentanza e della contrattazione.
Ha una struttura verticale, con dodici Federazioni di categoria, e orizzontale, con le Camere del lavoro e i regionali. La Cgil Lombardia, con i suoi 888.701 iscritti, è la più grande organizzazione regionale della Cgil. Le donne sono 388.115 (il 43.67), i lavoratori dell’artigianato sono 15.283 (l’1.72%), mentre i lavoratori migranti sono 64.920: il 15.01% dei lavoratori attivi e il 7.31% dell’insieme degli iscritti alla Cgil in Lombardia.

 

  • Milano 17 giugno 2015 – La CGIL Lombardia ha presentato alla stampa, in vista delle Conferenza di organizzazione delle Camere del lavoro e di quella nazionale del 17 e 18 settembre, i dati relativi alla sua attività, al tesseramento, all’uso delle risorse, ai suoi bilanci.

Il segretario organizzativo Franco Stasi ha sottolineato come “la CGIL, non da oggi, punti alla trasparenza relativamente alle risorse materiali e umane a disposizione.
Lo testimoniano in particolare la pubblicazione dal 2011 dei bilanci, dei dati sulla propria forza organizzata – senza reticenze sulle difficoltà che si incontrano – e la richiesta, a chi stipula con noi delle convenzioni, di aderire alla Carta dei valori. Il bilancio sociale, ha proseguito Stasi, che pubblichiamo ormai da tre anni, è la fedele fotografia delle moltissime iniziative organizzate dalla CGIL Lombardia, dalla partecipazione a tutto il percorso di realizzazione dell’evento EXPO, con proposte concrete anche sull’utilizzo futuro di quell’area, all’impegno per la legalità, contro il crimine organizzato, fino al lavoro di studio e di ricerca sui cambiamenti sociali.
L’obiettivo è di ampliare il campo di intervento anche con attività non tradizionali, come la nuova App “Noicgil” e il progetto rivolto alle fasce di lavoro precario, in particolar modo giovanile. Tutto questo è al centro delle conferenze di organizzazione delle Camere del lavoro”.
Il segretario generale della CGIL Lombardia Elena Lattuada, analizzando la realtà relativamente ai 901.591 tesserati del 2014, ha rilevato come, “pur in presenza di un calo di iscritti, diretta conseguenza della crisi del tessuto produttivo e industriale della regione, il 16% nel 2014 è rappresentato da nuovi iscritti. La composizione delle iscrizioni vede un 40% di donne e un 15% di lavoratori migranti, rispetto ai quali l’impegno costante sta dando i suoi frutti.
Molti nuovi iscritti – ha proseguito Lattuada – sono frutto dell’attività di tutela individuale svolta dalla CGIL nelle sue sedi: ben 186 punti del Patronato Inca nella regione, e 216 sedi del CAAF (assistenza fiscale).
Questo è il patrimonio di presenza e di insediamento della CGIL Lombardia.
Da qui si parte per continuare e rafforzare l’iniziativa di contrattazione ad ogni livello: contrattazione nei luoghi di lavoro, nei territori, nel rapporto con le istituzioni locali, ricomponendo e rafforzando l’iniziativa a favore di tutte quelle forme di lavoro non subordinato oggi presenti nel territorio lombardo.

Questo è l’impegno della CGIL – ha concluso – e la sfida coraggiosa che la CGIL Lombardia intende perseguire, a partire dalla riscrittura delle regole quali il “nuovo statuto dei diritti delle lavoratrici e dei lavoratori”, e con forme di promozione anche innovative come l’App rivolta alle giovani e ai giovani artigiani”.

  • Milano, 19 settembre 2014 “Cambia la SEDE, cresce l’IMPEGNO”  Inaugurazione della nuova sede regionale
  • Milano, 25 giugno 2014 Eletta la nuova segreteria della CGIL Lombardia che affiancherà Elena Lattuada 
  • Milano, 24 giugno 2014 Elena Lattuada è il nuovo Segretario generale della CGIL Lombardia
  • Milano, 23 giugno 2014 Nino Baseotto viene eletto nella Segreteria CGIL nazionale
  • 24 giu. – Passa dalla guida della Cgil lombarda alla segreteria di Susanna Camusso
  • Milano 21 giugno 2014  Dopo 32 anni la CGIL LOMBARDIA lascia la storica sede di Sesto San Giovanni e si trasferisce a Milano con le sue categorie E SI TRASFERISCE A MILANO CON LE SUE CATEGORIE

Era il 1979, e in Lombardia il movimento sindacale conosceva grandi cambiamenti: nascevano i Consigli unitari di zona, le federazioni Cgil Cisl Uil territoriali e la federazione Cgil Cisl Uil della Lombardia. Di pari passo col processo di costruzione dell’unità sindacale, nascevano via via le sedi unitarie. Con una grande sottoscrizione tra i lavoratorisi raccolsero i fondi per l’acquisto di uno stabile.

Nei primi anni Ottanta del 1900, parte dello stabilimento “Magneti Marelli A”, in viale Marelli, a Sesto San Giovanni, diventerà la sede regionale unitaria della federazione Cgil Cisl Uil della Lombardia. A inaugurarla, sabato 23 giugno 1984, i tre Segretari generali: Luciano Lama, Pierre Carniti e Giorgio Benvenuto, e nel dicembre dello stesso anno riceve anche la benedizione del Cardinale Carlo Maria Martini che, non ritualmente, nel suo discorso parla proprio dell’unità sindacale. Ma forse non tutti sanno che – lo racconta Antonio Pizzinato nel suo libro “Al centro del lavoro” – il 21 maggio del 1983, durante la sua visita a Sesto San Giovanni, Papa Wojtyla, prima di parlare ai lavoratori della “Stalingrado d’Italia” dal palco collocato nell’area oggi occupata da un parcheggio fra viale Edison e viale Italia, andò a riposarsi, per una decina di minuti proprionella sede regionale della federazione unitaria Cgil Cisl Uil, che era alle spalle di quell’area.

Oggi, dopo 32 anni, anche la Cgil Lombardia, dopo la CISL che l’ha fatto nel 2012, lascia definitivamente quella sede ormai vetusta e bisognosa di complicati lavori di ristrutturazione. In tempi di crisi anche il sindacato deve ottimizzare i costi delle proprie sedi e strutture, e al tempo stesso riunificare, com’è giusto, il patrimonio disperso delle tante categorie regionali dislocate altrove per un’oggettiva assenza di spazi. Dunque, con un considerevole sforzo collettivo, dalla vendita della vecchia sede e delle sedi regionali delle categorie, la CGIL ha individuato e acquistato uno spazio comune in Via Palmanova 22, a Milano, in un palazzo di otto piani – proprio accanto alla sede dello SPI Cgil, il sindacato dei pensionati – nel quale per il momento troveranno collocazione, oltre al regionale confederale, la Filctem (lavoratori chimici), la Fillea (edili), la Filt (trasporti), la Flc (lavoratori della conoscenza), la Funzione Pubblica, la Flai (lavoratori agroindustria) e una parte della Filcams (commercio e servizi).

  • 19 settembre 2014 Inaugurato a Milano in via Palmanova 22 il “Palazzo CGIL”

E’ la nuova sede della Cgil Lombardia. Nel giorno di apertura gli interventi del segretario generale della Cgil, Susanna Camusso, del governatore Roberto Maroni e dei sindaci Monica Chittò e Giuliano Pisapia. “Cambia la sede, cresce l’impegno”
All’insegna della parola d’ordine “Cambia la sede, cresce l’impegno” il Segretario generale della CGIL Lombardia,ELENA LATTUADA, ha aperto le celebrazioni