Welfare aziendale e ruolo della contrattazione.

in Notizie, Welfare e Sanità

“Welfare aziendale e ruolo della contrattazione” è il titolo dell’ iniziativa promossa da Filctem Cgil, Femca Cisl, Uiltec Uil della Lombardia che si è tenuta a Milano, allo Spazio Anteo, lo scorso 12 ottobre.
Dopo l’introduzione di Rosalba Cicero, segretaria generale della Filctem Lombarda , si è svolta una tavola rotonda di approfondimento – coordinata da Rita Querzè, giornalista del “Corriere della Sera” – alla quale hanno partecipato – oltre ai segretari generali di Filctem, Femca, Uiltec, Emilio Miceli, Angelo Colombini e Paolo Pirani – i direttori delle relazioni industriali di Smi e Federchimica, Carlo Mascellani e Andrea Piscitelli, e Massimo Bottelli, direttore del settore lavoro di Assolombarda.

Nel pieno di una nuova stagione di rinnovi dei contratti nazionali e di forte attenzione ad allargare e qualificare la contrattazione aziendale, per i Ccnl che non si sono ancora rinnovati, l’auspicio venuto dall’incontro è che si arrivi a breve a un esito positivo che dia a questi lavoratori pari dignità e migliori condizioni di lavoro, rilanciando le relazioni industriali e contribuendo al recupero del potere d’acquisto delle retribuzioni.
Rinnovare i contratti – si è detto con chiarezza al convegno – costituisce un contributo importante al recupero di efficienza del sistema Paese.
E’ in questo contesto di riqualificazione complessiva che si può perseguire l’obiettivo di espandere la contrattazione di secondo livello e alzare la qualità dei suoi contenuti.
Ed è nell’ambito dei due livelli di contrattazione che il welfare riveste un ruolo di grande interesse per i lavoratori e per le aziende.

Per l’insieme di ragioni che sono state al centro dell’iniziativa, le segreterie di Filctem, Femca, Uiltec della Lombardia hanno invitato le confederazioni, nell’ambito del confronto con il Governo, a tenere in considerazione le valutazioni espresse, e nel contempo hanno dato indicazione alle strutture territoriali di aprire una discussione in merito a questi temi e di attivarsi per allargare la contrattazione di secondo livello facendo attenzione ai limiti fino oggi riscontrati.

fILCTEM CGIL Lombardia, Milano 14.10.16