Dopo il referendum. Cgil: risultato netto, ora la Carta dei diritti

in Notizie

Rassegna.it 5 dicembre 2016

La segreteria nazionale: “Il No ha vinto in modo inequivocabile, grazie a tutti i militanti per l’impegno profuso. Fondamentale la nostra libertà da logiche di schieramento. Ora grande impegno per sostenere la proposta di legge sul nuovo Statuto”

Il referendum sulla riforma costituzionale “ha dato un esito inequivocabile, con una netta maggioranza di No, ancor più significativa in considerazione di un numero di votanti oltre il 68%, al di là delle più ottimistiche previsioni. La segreteria della Cgil ringrazia i dirigenti, i delegati ed i militanti per l’impegno profuso a sostegno delle posizioni di merito che hanno motivato l’indicazione di voto da parte della Cgil , nel rispetto delle scelte individuali di singoli dirigenti e militanti”. Inizia così il comunicato della segretaria nazionale della Cgil, diffuso il giorno dopo il referendum che ha visto la vittoria del No.

Il sindacato fa il punto della situazione: “È stato importante – afferma –aver scelto una posizione scevra da logiche di schieramento e di contrapposizione, bensì tesa a rimarcare come la riforma proposta, pur proponendo titoli giusti, fosse profondamente sbagliata nel suo svolgimento, nella sua impostazione di accentramento dei poteri dell’esecutivo”. La segreteria “sottolinea altresì come la battaglia comune condotta con Anpi e Arci abbia in modo determinante contribuito a far conoscere a tante e tanti il merito della riforma e le ragioni di una posizione che aveva ed ha come unico scopo quello di difendere la Costituzione nata dalla Resistenza”.

Da parte sua, Corso Italia “continuerà con fermezza la propria battagliaper la piena attuazione della Carta costituzionale, per un allargamento degli spazi democratici di partecipazione dei cittadini e per una coerente riduzione dei costi della politica, senza nulla concedere al qualunquismo, al populismo di chi cavalca l’antipolitica che è anzitutto nemica della democrazia. In particolare, la Cgil impegna tutte le proprie strutture ed i propri delegati e militanti a sviluppare una ancora più forte iniziativa a sostegno della proposta di legge di iniziativa popolare ‘Carta dei diritti fondamentali del lavoro’ di cui la Commissione Lavoro della Camera dei deputati può e deve iniziare l’esame fin dai primi giorni del prossimo anno”.

Proprio la Carta dei diritti, infatti, rappresenta “l’occasione per attuareuna parte fondamentale della Costituzione, con particolare riferimento ai temi del lavoro, della rappresentanza sociale e del diritto di cittadinanza. Cosi come la Cgil è da subito mobilitata a sostenere i tre referendum che accompagnano la Carta dei diritti fondamentali del lavoro e che riguardano tre nodi fondamentali per un lavoro più dignitoso: abrogazione dei voucher, diritto alla reintegra in caso di licenziamento illegittimo nelle aziende con più di cinque dipendenti, reintroduzione della piena responsabilità solidale negli appalti. La personalizzazione dello scontro referendario, voluta in primo luogo dallo stesso presidente del Consiglio e cavalcata da molti, ha determinato un pesante inasprimento della campagna elettorale ed ha portato all’annuncio delle dimissioni del governo”.

La situazione economica e sociale in Europa ed ancor di più nel nostro Paese “richiede senso di responsabilità da parte di tutte le forze politiche. Il dramma della disoccupazione e della precarietà, soprattutto giovanile; il crescere della povertà, la questione irrisolta del Mezzogiorno, il rinnovo dei Contratti nazionali di lavoro, anche pubblici, ancora aperti, l’emergenza determinatasi a causa del terremoto in Centro Italia, la prosecuzione del confronto in tema di previdenza, nonché la più generale condizione di diseguaglianze crescenti e di stagnazione dei consumi, impongono come priorità l’attuazione di politiche economiche e sociali volte alla crescita ed all’equità”

In questo contesto, la Cgil “ritiene che – soprattutto con l’attuale legge elettorale – le elezioni anticipate sarebbero una pericolosa fuga in avanti. Si verifichi in Parlamento il sussistere di una maggioranza politica in grado di assicurare un governo di responsabilità sociale, capace di dare anzitutto quelle risposte che lavoratori e pensionati si attendono, attraverso anche un corretto rapporto con le istanze della società civile e con le organizzazioni della rappresentanza sociale. La Cgil – infine – esprime piena fiducia nel ruolo del presidente della Repubblica quale garante per tutte le forze politiche e sociali del paese”.

LEGGI ANCHE Vittoria del No: Grandi, dalla Cgil un contributo importante
Barbi: per il popolo la Costituzione conta | Podcast
Camusso: una vittoria nel merito
Dai territori: Sardegna 
Basilicata Parma
Fisac Cgil: rafforzata la democrazia
Tra gli studenti stravince il no