On line il programma “Auschwitz 2017” (23 – 27 marzo 2017)

in UFFICIO STAMPA e COMUNICAZIONE

Anche quest’anno Cgil, Cisl e Uil della Lombardia affronteranno assieme a studenti, lavoratori e pensionati di tutta la regione il viaggio verso i luoghi dello sterminio nazista. Il treno per Auschwitz partirà giovedì 23 marzo e farà ritorno lunedì 27 marzo. Cgil, Cisl e Uil Lombardia ritengono che la memoria di Auschwitz rappresenti il nostro patrimonio per reagire oggi, quando clandestinamente si diffonde, nel senso comune dell’Europa, l’obiettivo feroce di rifiutare gli ultimi, di riportarli deliberatamente nel loro destino e all’antico dolore.
Oggi, come ieri nell’opposizione al nazi-fascismo, è importante l’impegno e il ruolo del movimento dei lavoratori e del sindacato per l’affermazione della libertà e del diritto, della democrazia e della convivenza tra persone e popoli.
LE RAGIONI 
Il progetto propone un percorso di costruzione della memoria attraverso esperienze di relazione tra studenti, lavoratori e cittadini:
tra studenti, nella scuola, con i lavori di approfondimento e preparazione,
tra giovani studenti e giovani lavoratori, con la partecipazione al viaggio, i lavori propedeutici ed organizzativi,
tra generazioni, con la partecipazione dei pensionati ed il lavoro di testimonianza, di trasmissione di memorie ed esperienza,
con il territorio, attraverso le iniziative di coinvolgimento e di comunicazione delle esperienze vissute.
Il progetto si propone, anche, come un momento significativo di rapporto personale sia sul piano delle conoscenze, sia sul piano delle emozioni, per la relazione che individua con
i linguaggi espressivi; assieme ai ragazzi viaggeranno musicisti, scrittori, giornalisti, studiosi, testimoni. La loro presenza arricchisce e valorizza ulteriormente il progetto e diventa un valido strumento di riflessione nella fase, successiva al viaggio, di rapporto con il territorio
il tempo; il treno, infatti, riveste un ruolo fondamentale perché offre la possibilità di rivivere l’idea dell’allontanamento coatto, attraverso l’Europa, mediante un mezzo di trasporto di massa che, con grande lentezza, ma anche con inesorabile puntualità raggiunse i campi.
Finalità per gli alunni delle scuole superiori
Favorire la formazione personale e di cittadinanza con una propria identità, autonomia e responsabilità.
Attuare iniziative utili all’orientamento degli studenti, allo sviluppo delle capacità di relazione, con il contributo del mondo del lavoro.
Favorire la partecipazione attiva e responsabile al dialogo, all’ascolto delle testimonianze, all’uso critico dei documenti della storia e alla consapevolezza del passato per costruire il futuro
Educare ai valori della libertà di pensiero, della convivenza civile, della tolleranza e dell’apertura all’altro.
Obiettivi per gli alunni di scuola superiore
Individuare, analizzare, selezionare e comprendere testimonianze e informazioni
Saper contestualizzare un evento o un processo storico Usare linguaggi espressivi per restituire in modo chiaro e ordinato la propria esperienza in diversi contesti
Acquisire, attraverso il confronto, un atteggiamento consapevole e civile verso le differenze culturali e di identità