Case popolari. Presidio a Milano giovedì 26 maggio alle 16

in Casa, Territorio, Mobilità, EXPO, UFFICIO STAMPA e COMUNICAZIONE

Case popolari, la petizione promossa dai sindacati contro il progetto di legge regionale arriva in Consiglio

I sindacati vogliono una riforma che rilanci l’edilizia pubblica e che metta a disposizione più alloggi. Regione Lombardia vuole approvare una legge che stravolge il ruolo sociale

Presidio giovedì 26 maggio alle 16 sotto la sede del Consiglio Regionale, in via Fabio Filzi 22 a Milano

La proposta di legge che Regione Lombardia sta discutendo in V Commissione non risolve i problemi dell’edilizia pubblica e ne stravolge le finalità sociali perché apre ai privati la gestione degli  alloggi, taglia il diritto alla casa popolare delle persone più disagiate, riduce la disponibilità di alloggi da assegnare a canone sociale e non dà garanzie sulle risorse necessarie al rilancio dell’edilizia pubblica.

Cgil, Cisl, Uil Lombardia, con i sindacati degli inquilini Sunia, Sicet, Uniat, Unione Inquilini, Conia hanno promosso una petizione popolare e raccolto migliaia di firme per chiedere più case popolari, investimenti duraturi e una riforma che tuteli i diritti delle persone ad avere un affitto sopportabile in abitazioni dignitose, e metta Comuni e Aler nella condizione di affrontare l’emergenza casa.

In occasione della consegna al presidente del consiglio regionale, Raffaele Cattaneo, delle migliaia di firme di inquilini e cittadini lombardi raccolte, le Organizzazioni Sindacali hanno indetto un PRESIDIO per GIOVEDI’ 26 MAGGIO alle ore 16 in Via Fabio Filzi 22 a Milano.

Milano 19 maggio 2016

Tag: